Visita della Sala della Consulta

È arrivato il giorno della visita al Palazzo Comunale e alla Sala della Consulta. Nel corso della mattinata Corinna Mezzetti ha ricordato alle classi la storia del palazzo e quella dei monumenti che si affacciano sulla piazza, grazie anche agli interventi dei bambini, che ricordavano molto bene quanto era stato raccontato loro nel precedente incontro in Archivio Storico. Entrati poi nella Sala dell’Arengo di Palazzo Comunale, Luciano Rivi ha chiesto a tutti di ricordare i personaggi e le storie del ciclo pittorico di Achille Funi. In un gioco di “indovinelli” proposti dal prof. Rivi, gli alunni hanno rintracciato sulle pareti diversi particolari degli affreschi: le coppie che si vogliono bene… l’autoritratto di Achille Funi, il ritratto della sua collaboratrice Felicita…  Goffredo di Buglione che ha il viso dell’amico di Achille Funi, Nello Quilici… l’angelo che suona la vittoria del cavaliere coraggioso su di un fiero destriero. È un nuovo modo per entrare negli affreschi e leggere la bravura del maestro. I ragazzi sono catturati dalle domande giocose del prof. Rivi, che insieme con la dott.ssa Mezzetti inventa di dover andare in Archivio Storico a prendere una copia dell’Orlando Furioso, ma in realtà… ecco comparire in sala proprio la copia scritta ed illustrata dalla classe 3C, sempre in occasione di “Monumenti Aperti”: è festa!! Tutti poi si fanno lettori, recitando a turno parti dell’articolo scritto all’epoca in cui Funi stava affrescando le pareti di sala dell’Arengo e che ci proietta nel suo vivo lavoro facendoci immaginare tra il maestro pronto con i bozzetti da “stampare” sulle pareti e il muratore che passa la mano di calce fresca, su cui Funi riempirà di colori vivaci i diversi particolari… “Ingresso vietato ai giornalisti” si legge sulla porta d’ingresso, ma noi, grazie alle nostre preziose guide, a quasi un secolo di distanza ci siamo calati curiosi e grati nei suoi segreti…